AVIGLIANA :NOTTE DEI ROSPI

AVIGLIANA :NOTTE DEI ROSPIRitorna venerdì 31 marzo a Avigliana  La notte dei rospi, un evento organizzato dal Parco naturale dei Laghi di Avigliana in collaborazione con il Comune di Avigliana, con la partecipazione della Lega Anti Vivisezione.

Una serata  “diversa” per salvare i rospi nel periodo più delicato, quello riproduttivo, e scoprire mondi spesso sconosciuti, un’occasione per vivere il territorio e il rapporto con la natura in un modo speciale.

Rane, Rospi, Tritoni e Salamandre sono gli anfibi più noti. Purtroppo, anno dopo anno, la loro presenza negli ambienti antropizzati appare sempre più minacciata e a  rischio di estinzione. Non tutti sanno che si tratta di grandi divoratori di animaletti fastidiosi per l'uomo (come le zanzare) e dannosi per l'agricoltura (come le lumache ed altri invertebrati) e sono determinanti per il mantenimento dell'equilibrio ecologico oltre a svolgere un importante  ruolo di bioindicatori della qualità ambientale.

L'iniziativa è volta a promuovere azioni concrete per proteggere e tutelare queste specie minacciate e i loro ambienti naturali.

Il Parco naturale dei Laghi di Avigliana, insieme al Comune di Avigliana e alla Città metropolitana di Torino, già da inizio febbraio hanno allestito un rospodotto lungo la strada di via Grignetto, sul perimetro della zona umida della palude dei Mareschi, predisponendo una serie di reti antiattraversamento stradale per convogliare gli animali lungo percorsi obbligati verso i passaggi creati sotto la strada. Le reti, inizialmente posizionate a bordo strada a monte, per proteggere gli anfibi da investimenti durante il loro spostamento "di massa" verso  la Palude dei Mareschi, sono poi state sistemate anche su lato a valle della strada per favorirne il ritorno in sicurezza verso i boschi collinari.

Poiché non si può rendere completamente inaccessibile ai rospi l'intero tratto di strada interessato dalla migrazione e  lungo 1 km, si invitano gli automobilisti ad evitare di percorrere la strada dalle ore 20.00 alle ore 6.00, fino alla fine del mese di marzo, nelle giornate con clima umido o  piovoso

Condividi: